MyConiglietto – Amore e Consigli per Conigli Nani e Domestici

Hai un coniglio nano o stai pensando di acquistare o adottare un coniglietto domestico? Qui troverai tutte le informazioni per prenderti cura del tuo coniglietto nel migliore dei modi. Conoscere le sue caratteristiche e le sue necessità è fondamentale affinchè la vostra sia una convivenza felice e la sua vita, lunga e sana.

Vogliamo subito fornirti le cose più importanti da sapere per accogliere questo tenero e dolce animale da compagnia che negli ultimi anni riscontra sempre più successo nelle famiglie italiane.

coniglio nano

Il coniglio nano: caratteristiche, peso e dimensione

Il coniglio non è un roditore. Sembra scontato, ma non lo è affatto. In molti non ne sono a conoscenza, ma il coniglio appartiene alla famiglia dei lagomorfi.

L’ordine di mammiferi che comprende le famiglie Leporidi (lepri e conigli), Ocotonidi (pica) e la famiglia dei Prolagidi attualmente estinta. Perché è importante saperlo? Principalmente per l’alimentazione e la cura dei denti. Il coniglietto nano ha 4 incisivi, due in più rispetto ai roditori, ed un apparato digerente completamente diverso.

Produce infatti due tipologie di feci, una molle (il ciecotrofo) di cui si nutre per poter completare il processo di digestione delle sostanze nutritive e una solida, le più visibili palline. Per questo motivo il primo errore da evitare è quello di acquistare per il tuo coniglietto, mangimi per criceti o topolini. Metteresti in serio pericolo la sua vita e rovineresti la sua dentatura.

E’ bene ricordare che i conigli nani sono erbivori e non onnivori come i roditori. A differenza dei conigli invece, quelli nani detti anche toy, hanno un peso che solitamente non supera i 2 kg e dimensioni ridotte, circa 50 cm. Il suo corpo è piccolo e dalla forme arrotondate. Ha un manto soffice che a seconda della razza può essere a pelo corto o lungo e di diversi colori.

Ha orecchie lunghe, gli occhi rossi o azzurri e denti sporgenti. Insomma, è facile cedere al suo buffo e tenero aspetto!

Quali sono le razze di coniglio nano?

In merito alle razze c’è l’imbarazzo della scelta. Le più note e richieste sono il coniglio nano ariete ed il coniglio nano testa di leone. Il primo è caratterizzato da lunghe orecchie che puntano verso il basso e dalla testa e dal musino arrotondati.

Il coniglio nano testa di leone invece si contraddistingue per la sua folta criniera attorno alla testa e al muso da cui prende il nome la razza. Poi ancora:

  • coniglio nano colorato: è la razza più frequente, è il coniglietto che si trova più facilmente nei negozi d’animali. Il suo peso raggiunge massimo 1,2 kg, ha orecchie piccole con la punta arrotondata ed il manto a pelo corto. Tra tutte le razze di conigli nani è quella che presenta la maggiore varietà di colorazione del manto.
  • coniglio nano ermellino: questa razza difficilmente supera 1 kg di peso. I suoi segni particolari sono: la testa sferica che in proporzione al corpo è più grande ed il manto a pelo corto rigorosamente bianco. Orecchie piccole e dritte, occhi rossi o azzurri.
  • coniglio american fuzzy lop: il suo peso non dovrebbe superare i 1,7 kg. Il corpo è piccolo ma robusto e muscoloso. Come il coniglio ariete ha grandi orecchie che puntano verso il basso ma sono più larghe. Il manto è a pelo lungo e ruvido.
  • coniglio nano olandese: il suo peso può raggiungere i 2,8 kg. La caratteristica principale di questa razza di coniglio nano è rappresentata dalla particolare colorazione del manto. Una grande macchia bianca sulla testa, macchie scure sulle orecchie e sulla guance e zampette anteriori rigorosamente bianche.
  • coniglio nano d’angora: il suo peso oscilla tra 1,2 e 1,5 kg. Il suo tratto distintivo è la folta frangetta di pelo che ricopre gli occhi ed il manto lanoso e molto più lungo rispetto alle altre razze. Il pelo del coniglietto d’angora nano cresce ben tre volte in più rispetto alla media dei coniglietti nani e può raggiungere una lunghezza di ben 8 cm.
  • coniglio mini rex: è la versione toy del coniglio rex ed il peso raggiunge un massimo di 2kg. La caratteristica principale è il suo manto che ricorda il velluto, il è pelo corto e fitto.
  • coniglio nano hot hot: come per la precedente è la versione toy del coniglio hot hot. Pesa massimo 1,4 kg, ha un mantello completamente bianco ed orecchie piccole che puntano verso l’alto. A renderlo unico sono i suoi occhi, circondati da un cerchio di pelo nero.

Per avere maggiori informazioni sulle razze dei conigli nani, consulta la sezione dedicata.

Comportamento del coniglio domestico

È proprio il suo comportamento ed il suo carattere a convincere tante persone a scegliere il coniglietto nano come animale domestico. E’ docile, simpatico ma anche un po’ timido. Riesce a legare facilmente con i suoi umani, ama le coccole e giocare.

Ciò lo rende adatto anche per i bambini. L’importante soprattutto per quelli più piccoli, è insegnare loro a rispettarlo e a dosare la forza nell’approcciare al coniglietto domestico.

Se è vero che è noto per il suo essere fifone è anche vero che è molto curioso. Ama esplorare l’ambiente in cui vive e spesso ti capiterà di trovarlo a frugare negli angoli più remoti della casa.

Rendi la tua abitazione un posto sicuro. A tal proposito ricorda che ama correre, saltare e rosicchiare.

Quest’ultima attività è più un’esigenza che una passione: i suoi denti sono a crescita continua e soltanto rosicchiando può regolarne la lunghezza e limarli. Fai particolarmente attenzione ai cavi elettrici ma anche a mobili e in generale a qualsiasi oggetto su cui possa mettere i denti. Meglio provvedere a questa suo bisogno procurandogli ad esempio un rametto di legno o giochi specifici per i denti.

È inoltre un animale che ama la compagnia, dunque meglio prenderne due, preferibilmente femmine. Prendere due coniglietti maschi vorrebbe dire dover far fronte ad una convivenza difficile fatta di continui litigi; un maschio ed una femmina possono sicuramente convivere, il consiglio in questo caso è di sterilizzarli per tenere sotto controllo l’accoppiamento.

La sterilizzazione è importante anche per evitare che i coniglietti nani possano sviluppare comportamenti anomali: i maschi tendono a diventare aggressivi e a marcare il territorio con l’urina, le femmine invece potrebbero andare incontro a possibili gravidanze isteriche.

Non possiamo infine non menzionare il caso della convivenza del coniglietto con altri animali domestici, come cani o gatti, non è impossibile, ma richiede sicuramente un impegno ed un’attenzione maggiore. Per introdurre nel modo giusto il nuovo arrivato chiedi supporto al tuo veterinario.

L’alimentazione del coniglio nano

Come anticipato in precedenza il coniglio è erbivoro e la sua alimentazione prevede principalmente fieno, pellet, verdura e frutta. Tra tutti gli alimenti il fieno per conigli è sicuramente quello più importante. È ricco di fibre che sono necessarie per il corretto funzionamento del sistema gastrointestinale e serve al coniglietto nano per consumare i denti e permetterne la crescita continua.

Per questo motivo devi assicurarti che ogni giorno abbia a disposizione del fieno fresco, pulito e croccante. Il pellet, che altro non è che fieno pressato, è molto utile nella prima fase di crescita del coniglietto.

Non eccedere con le quantità, è un alimento ipercalorico e non è un ottimo alleato per questo animale domestico che ingrassa facilmente. In merito alla frutta e alla verdura devono essere fresche, lavate ed asciugate con cura. Anche in questo caso vanno tenute sotto controllo le quantità, se superano il fabbisogno del coniglio nano possono infatti causare diarrea.

Sarà il tuo veterinario a stabilire le dosi corrette da introdurre nello schema alimentare del tuo coniglietto nano per tutti i diversi alimenti. Gli alimenti che devi assolutamente evitare sono: cereali e zucchero.

Quando acquisti snack e premietti, leggi con attenzione tutti gli ingredienti per evitare di compromettere la salute del tuo coniglietto. Chiude il cerchio l’acqua, che deve essere sempre fresca e pulita.

Le malattie del coniglio nano ed i vaccini importanti per la sua salute

Due sono le malattie del coniglio domestico più pericolose e che nella maggior parte dei casi provocano la morte: la malattia emorragica virale (MEV) e la Mixomatosi.

La trasmissione di entrambe può avvenire in due modi: per via diretta (da un coniglio all’altro) o per via indiretta (zanzare e pulci). I vaccini sono fondamentali per tutelare la salute del tuo coniglietto domestico dai virus letali della MEV e della Mixomatosi, soprattutto perchè ad oggi non esistono terapie efficaci per la guarigione.

I vaccini per la MEV hanno una durata che va dai 6 mesi ad un anno, quelli per la Mixomatosi proteggono il coniglietto nano per un periodo che va dai 4 ai 6 mesi. Sarà il veterinario a stabilire la frequenza delle vaccinazioni (i cosiddetti richiami) sulla base della percentuale di rischio di contagio in quella determinata località. In linea generale il richiamo è annuale per la MEV e semestrale per la Mixomatosi.

Le vaccinazioni vanno eseguite nei primi due mesi di vita del coniglio e prima di essere somministrate va attentamente valutato il suo stato di salute.

Gabbie per conigli nani ed accessori utili

Prendere un coniglietto e pensare di tenerlo in casa chiuso tutto il giorno in gabbia è quanto di più sbagliato si possa fare! Dopo aver appreso le caratteristiche del suo comportamento e le sue necessità è facile dedurre che la soluzione migliore sarebbe quella di lasciarlo libero in casa. Se ciò non fosse possibile, devi comprare una gabbia per conigli che prima di tutto sia abbastanza spaziosa.

Evita di acquistare quelle con il fondo grigliato perché potrebbero causare delle lesioni alle zampette del coniglietto nano. Scegli piuttosto quelle che hanno il fondo in plastica resistente, facili da pulire e dunque più igieniche. Online ne esistono di tutti i tipi: dalle versioni più essenziali a vere e proprie casette ad uno o più piani.

Qualsiasi sia la gabbia che sceglierai per il tuo coniglietto domestico, ricordati di lasciarlo libero per diverse ore durante l’arco della giornata. Se è difficile la sua gestione in appartamento puoi comprare dei recinti, in modo tale da delimitare lo spazio dell’appartamento che vorrai concedergli per la sua libertà. Ci sono poi altri accessori per conigli  che dovrai assolutamente acquistare per il tuo coniglietto domestico sono:

  • il beverino per l’acqua
  • ciotole e portafieno
  • la lettiera per i suoi bisogni
  • la spazzola per curare il manto
  • tagliaunghie specifico per conigli nani
  • e tanti giochi: tunnel, giochi interattivi, palline e sonagli e giochi rosicchiabili molto utili per i denti

Prezzo dei conigli nani e dove acquistarli

Il prezzo del coniglio nano dipende in particolar modo dalla razza che scegli di acquistare. Si va da un minimo di 25 euro ad un massimo di 100 euro per le razze più rare. Altro fattore che incide sul prezzo del coniglio è la tipologia di venditore.

Puoi acquistare il tuo cucciolo in negozi di animali o presso allevamenti specifici. Il nostro consiglio è far riferimento ad allevamenti di conigli nani. Potresti trovare prezzi più alti ma hai sicuramente maggiori garanzie in merito alla razza del coniglio nano (spesso certificata) ed anche sulle condizioni con le quali vengono allevati.

Alla spesa iniziale dovrai poi aggiungere altri costi per: il cibo, la gabbia, gli accessori, i giochi, le spese veterinarie (vaccini, sterilizzazione e visite periodiche). C’è anche un’altra opzione per prendere un coniglio in casa ed è quella dell’adozione, in Italia ce ne sono diverse di associazioni che se ne occupano.

Nella maggior parte dei casi sono richiesti controlli pre e post adozione, per garantire che il coniglietto nano sia in ottime mani e che la casa che lo ospiterà sia a sua misura. Solitamente l’adozione non ha costi anche se è buona norma fare una donazione spontanea all’associazione presso la quale ci si rivolge.

Tenere un coniglietto in casa: pro e contro

Abbiamo affrontato i primi aspetti da conoscere sul coniglio nano, ora possiamo tirare le somme e valutare quali sono i pro ed i contro di sceglierlo come animale domestico.

Pro:

  • è un animale di taglia ridotta, adatto anche per appartamenti di piccole dimensioni
  • lega facilmente con i suoi umani ed il suo carattere lo rende adatto anche ai bambini (con i giusti accorgimenti)
  • è indipendente, basta lasciare a disposizione tutto ciò di cui ha bisogno
  • è facilmente addestrabile
  • non sarà mai motivo di discussione con i tuoi vicini: è silenzioso
  • le spese da sostenere fanno sì che tutti possano permettersi un coniglietto nano. Tolte le spese veterinarie e quelle iniziali per le gabbie e gli accessori, dovrai preoccuparti soltanto di acquistare del fieno. Rispetto ai mangimi per cani e gatti ha prezzi molto più bassi. Acqua, verdura e frutta sono prodotti di prima necessità che si acquistano a prescindere dalla presenza del coniglio nano.
  • ha una vita media abbastanza lunga, dai 5 ai 10 anni.

Contro:

  • A dispetto di quanto si pensi non è un animale fatto per vivere chiuso in gabbia. Deve essere libero di esplorare l’ambiente in cui vive, di correre e saltare. Magari sporcherà con le zampette e sicuramente perderà peli, se non sei disposto/a a garantire al coniglio la sua libertà, non prenderlo.
  • Se non investi tempo e pazienza nell’addestramento potrebbe rosicchiare mobili, sedie o altri oggetti e fare i suoi bisogni in giro per casa o non nella lettiera.
  • Se hai bambini metti in conto che a differenza di cani e gatti, dovrai prestare maggiore attenzione. Il suo corpo è delicato e si spaventa facilmente, dovrai educare i bambini a interagire con il coniglio nel giusto modo.
  • Se hai altri animali metti in conto che avrai bisogno di dedicare tempo all’introduzione e all’integrazione del nuovo arrivato. Nel caso in cui i tuoi animali domestici siano piuttosto territoriali, potrebbero essere un vero pericolo per il coniglio nano.

Tutti i contro che abbiamo appena elencato sono niente rispetto all'amore incondizionato che può donarti un coniglietto! Tra l’altro si tratta di situazioni facilmente risolvibili con un pizzico di impegno ed organizzazione.

Ora rileggi questi quattro punti e vedrai che quelle che sembrano essere motivazioni per non prendere un coniglio domestico sono in realtà 4 buone norme da seguire per accoglierlo nel migliore dei modi.

2 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 52 votes, average: 5,00 out of 5 (2 VOTI, MEDIA: 5,00 SU 5, VOTI)
Loading...